Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Per approfondire le cookie policy premi il bottone POLICY.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Liturgia del giorno 21 Settembre: S. MATTEO, APOSTOLO ED EVANGELISTA, festa SAN MATTEO [I sec.]
Matteo, chiamato anche Levi, viveva a Cafarnao ed era pubblicano, cioè esattore delle tasse. Seguì Gesù con grande entusiasmo, come ricorda San Luca, liberandosi dei beni terreni. Ed è Matteo che nel suo vangelo riporta le parole Gesù:"Quando tu dai elemosina, non deve sapere la tua sinistra quello che fa la destra, affinché la tua elemosina rimanga nel segreto... ".
Dopo la Pentecoste egli scrisse il suo vangelo, rivolto agli Ebrei, per supplire, come dice Eusebio, alla sua assenza quando si recò presso altre genti. Il suo vangelo vuole prima di tutto dimostrare che Gesù è il Messia che realizza le promesse dell' Antico Testamento, ed è caratterizzato da cinque importanti discorsi di Gesù sul regno di Dio. Probabilmente la sua morte fu naturale, anche se fonti poco attendibili lo vogliono martire di Etiopia.

Fruttuoso incontro delle famiglie
INSIEME PER CONDIVIDERE

Tra i frutti della recente visita del Santo Padre a Milano può essere annoverato il Ritiro per le famiglie tenutosi a Chiarone – Pianello Val Tidone (PC) sabato 8 e domenica 9 settembre. Il Ritiro ha coinvolto famiglie appartenenti a gruppi di spiritualità familiare operanti nella zona sud del Decanato Navigli (detta area omogenea), in particolare presso le parrocchie SAMZ, San Barnaba e il Centro Vismara.

 

  L’intuizione di questa iniziativa è dovuta al cammino proposto dalla Diocesi e vissuto a livello decanale per la preparazione dell’incontro con Benedetto XVI, che ha messo insieme famiglie di diverse parrocchie del Decanato. La positività di questa esperienza ha suggerito l’idea di un nuovo momento che coinvolgesse i gruppi familiari delle parrocchie, e da qui, con l’aiuto della Provvidenza, è stato organizzato il Ritiro, arrivando in brevissimo tempo a saturare i 55 posti letto disponibili nella struttura. Il tema proposto è stato Fede e famiglia, alla luce dell’Anno della Fede proclamato dal Santo Padre. Le famiglie che hanno preso parte al Ritiro sono state seguite nel pomeriggio di sabato da Padre Silvio Ronca, che ha tenuto una relazione sull’argomento proposto, e da Don Gregorio, che ha accompagnato con discrezione i lavori dei gruppi della Domenica e ha celebrato l’Eucaristia a conclusione dei due giorni. Dal punto di vista organizzativo, ci si è affidati all’autogestione delle famiglie, coadiuvati da due cuoche e da due giovani baby sitter, che hanno intrattenuto i 23 piccoli presenti; in questo modo, i genitori presenti hanno potuto prendere parte ai diversi momenti di riflessione, preghiera e confronto.
Difficile tentare di sintetizzare in poche righe il lascito di questa esperienza. Il cuore del messaggio trasmesso da Padre Silvio e don Gregorio consiste nel sottolineare l’importanza, anzi la necessità, che le famiglie vivano momenti di condivisione e di comunione reciproca. Queste esperienze di comunità, oltre a far allargare le dimensioni ristrette dei “confini”che le famiglie spesso si danno nella nostra società, rappresentano un occasione irrinunciabile per agevolare il compito educativo e missionario delle famiglie stesse, sia al proprio interno che verso gli altri.
Se in questo modo le famiglie presenti hanno trovato un grande incoraggiamento a proseguire nei diversi cammini di spiritualità familiare, ne hanno ricavato però anche il desiderio di proporsi, all’interno delle Parrocchie, come un’opportunità pastorale e missionaria, che possa toccare o almeno interpellare tutte le famiglie. Questa prospettiva comporta, allo stesso tempo, una crescente presa di responsabilità da parte dei gruppi familiari, chiamati a strutturarsi in modo sempre più preciso e stabile, proprio per poter diventare una proposta rivolta a tutte le famiglie presenti nelle parrocchie. Ma la bellezza e la semplicità di quanto vissuto nella due giorni di Chiarone hanno fatto tornare a Milano quanti vi hanno preso parte con la giusta “carica” per lanciarsi in questo nuovo anno di condivisione.

Salvatore