Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Per approfondire le cookie policy premi il bottone POLICY.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Liturgia del giorno 23 Luglio: S. BRIGIDA, RELIGIOSA, PATRONA D'EUROPA, festa PATRONA D'EUROPA SANTA BRIGIDA [Finsta, 1303 – Roma, 1373]
Compatrona d'Europa, venerata dai fedeli per le sue «Rivelazioni», nacque nel 1303 nel castello di Finsta, nell'Upplandi (Svezia), dove visse con i genitori fino all'età di 12 anni.
Sposò Ulf Gudmarson, governatore dell'Östergötland, dal quale ebbe otto figli. Secondo la tradizione devozionale, nel corso delle prime rivelazioni, Cristo le avrebbe affidato il compito di fondare un nuovo ordine monastico. Nel 1349 Brigida lasciò la Svezia per recarsi a Roma, per ottenere un anno giubilare e l'approvazione per il suo ordine, che avrebbe avuto come prima sede il castello reale di Vastena, donatole dal re Magnus Erikson.
Salvo alcuni pellegrinaggi, rimase a Roma fino alla sua morte avvenuta il 23 luglio 1373. La sua canonizzazione avvenne nel 1391 ad opera di Papa Bonifacio IX.

(Avvenire)
 

mons Agnesi

“L’Epifania tutte le feste le porta via” ….

Ma, se con l’Epifania finiscono le feste, non lasciamoci portare via la gioia di questi giorni; la gioia di aver contemplato un Dio appassionato all’uomo, un Dio che viene a cercare ciascuno di noi affinché nessuno si senta solo.
La gioia di queste feste possa caratterizzare la vita di tutti i giorni.
E … Se l’Epifania porta via tutte le feste …. non porta via me che sono arrivato in modo stabile.
I primi giorni dell’anno ho fatto trasloco definitivo. 
Volevo ringraziarvi per la cordialità e la pazienza di questi mesi che mi hanno visto fare un po’ avanti indietro dal seminario per incontrare i vari gruppi.
Mesi per me preziosi che mi hanno introdotto in punta di piedi nel mondo SAMZ per accorgermi di una comunità vivace e appassionata alle attività della parrocchia.
Da parte mia cercherò di mettercela tutta affinché ciascuno possa custodire e coltivare la propria fede radicandosi sempre più nel Vangelo di Gesù.
Mi permetto di esprimere un desiderio: in questi mesi ho incontrato i vari gruppi, visto molti volti ma vorrei conoscervi uno ad uno! Capisco che ci vorrà un po’ di tempo: per questo non fatevi problemi a venirmi a cercare per presentarvi e aiutarmi a raccogliere la storia di questa comunità e darmi suggerimenti propositivi circa la vita della parrocchia.
Vi aspetto e vi porto nella preghiera!
Grazie                                               Ciao, il parroco
                                                                         Don Davide